Agorà Cattolica

Agorà Cattolica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Poesie religiose

  • Ho sognato un pozzo senza fondo/mistero e simbolo del male/perché non c’è modo di pagare il diavolo/se gli devi qualcosa/solo Dio può intervenire/ed allora prostriamoci all’Onnipotente/rendiamogli gloria/lodiamo il Suo nome/chissà che non ci usi misericordia/e riscatti la nostra vita (21 ottobre 2018, ore 06.45).
  • C’è un rimedio a tutte le cose?/Ho detto a Dio: Forse non c’è più speranza per me/nell’immenso cielo/scruto per vedere se passa qualche angelo/Ma c’è solo terrore e morte/Così rischio di perdere ogni speranza/Ma sappiamo che il nostro Redentore è vivo/Gesù ci attende/Somma consolazione/di un’anima un po’ persa (21 ottobre 2018, ore 01.00).
La parola ad Andrea Annibale Chiodi

Dalle paure al timore del Signore (18 ottobre 2018, ore 21.00). So che qualcuno che mi legge sta attraversando le prove durissime della vita. La rottura con il coniuge, difficoltà economiche che rischiano di portare alla povertà, se non alla miseria, malattie fisiche gravissime o una forte depressione o altre malattie psichiche. Perciò, non sono qui per vendere facili soluzioni. È perciò comprensibile avere mille paure ma non è detto che tali paure debbano vincere su di noi fino a distruggerci. È possibile fare un viaggio dello spirito in modo tale che da queste paure si passi, prima in aggiunta, poi in totale sostituzione, al timore di Dio. Quanti Salmi ci invitano a rifugiarci nel Signore! La Bibbia dice che molte sono le sventure del giusto, ma da tutte lo libera il Signore (cfr. Salmo 33,20).
 




Pane di vita eterna (2 agosto 2018, ore 01.45)

Le aspirazioni degli uomini preesistono i condizionamenti che dall’esterno vengono impiegati, ad esempio dal mercato pubblicitario? Io penso che il cuore che Dio ha formato nel seno di nostra madre non sia una tabula rasa. Cerchiamo perciò di appagare questo desiderio di cose sante per sostituzione con cose che non danno la vita eterna. Perché a volte il desiderio del cuore si appalesa per quello che è (ricerca di cose eterne) e qualche volta secondo condizionamenti di pregio inferiore (ricerca di cose effimere)? È stato creato un mercato parallelo della religione e forse non è stata la strada migliore. Perciò, una certa radicalità anche apologetica, ha sottolineato la radicale differenza qualitativa tra i beni del mondo (i quali anche comunque riflettono la gloria di Dio più – per così dire – debolmente) e i beni eterni. Ciò che Dio ha seminato in noi ha bisogno di tempo per maturare e spesso matura. La speranza cristiana è sempre la stessa: cioè che il pane e il vino consacrato non sia per noi motivo di condanna ma ci conduca alla vita eterna.


Selezione di Tweet (da Twitter @AAnnibale)

  • Il cristiano, pur fecondando il mondo con la sua testimonianza, non combatte il mondo. La strada del cristiano è infatti diversa da quella del mondo. C’è una certa solitudine nell’essere cristiani, solitudine che viene vinta dalla comunione dei santi, dalla comunità dei credenti (22 ottobre 2018, ore 02.15).
  • Gli angeli sono portatori di pace. Se accettiamo questa pace, vedremo la gloria di Dio tutti i giorni della nostra vita. Dio, infatti, ci attende per mostrarci tale gloria. Dio ci attende sempre. La nostra speranza è perciò fondata sulla fede nella bontà infinita del Signore (21 ottobre 2018, ore 11.55).
  • In un certo senso capiamo l’amore prima di innamorarci; capiamo la santità prima di pregare i santi; capiamo Cristo prima di credere in Dio; capiamo il nostro peccato prima di pentirci e di confessarci; capiamo la dottrina prima di credere nella Chiesa; tutto questo è amore per Dio (1° agosto 2018, ore 22.00).
Torna ai contenuti | Torna al menu